Sei Qui: Home - Acquari e Aggiornamenti - Acquario "La Quercia"
Avviato gennaio 2015.
L'acquario, circa 70-80 litri, è un Mirabello ed è stato trovato abbandonato ad un cassonetto della spazzatura, a parte qualche graffio non era malissimo.

Era stato risiliconato, male... ma non perdeva, questo contava.
Il fondo è realizzato con terriccio da giardinaggio, foglie di quercia secche, carbone attivo, lapillo vulcanico e sabbia a coprire tutto.

Al fondo con terriccio, ampiamente rielaborato, ed alla gestione con cambi d'acqua sporadici e niente sifonature... ho concesso un aiutino utilizzando co2 da fermentazione con lieviti e zuccheri a bassa pressione. Si tratta sostanzialmente di una rivisitazione del sistema a gel, ma senza il gel... come si faceva all'inizio.

Acqua di rubinetto, piante prese da potature di altri miei acquari.

Piccola pompa da 300 l/h, consumo 1 watt. Per evitare che la pompetta si intasasse ho applicato una piccola spugnetta alla pompetta con una fascetta nera da elettricisti.
La filtrazione biologica è affidata soprattutto alle piante, secondo il metodo Walstad.

La luce è piuttosto bassa, ma sembra efficiente con un riflettore improvvisato fatto da un foglio di cuki semplicemente adagiato sopra la plafoniera. Plafoniera t5 con unico neon da 13 watt 6500k, si tratta delle classiche plafoniere prese dai negozi di cinesi, gia pronte all'uso, in quanto hanno interruttore e lampada gia adatta agli acquari. Volendo si possono persino collegare in parallello per usare un solo timer.

L'acquario non avendo copertura è stato coperto con un semplice plexiglas trasparente e sopra al plexiglas ho adagiato la plafoniera (che attenzione non è stagna e non è concepita per l'esterno, per cui non deve ricevere umidità)

Gli arredi presi in natura ovviamente.
L'alberello è stato realizzato semplicemente unendo 3 rametti di quercia, i sassi sono stati raccolti in un ruscello ed hanno passato ampiamente la prova dell'acido muriatico. (usate l'acido non il viakal che è troppo debole per dare risultati soddisfacienti)

Il sentiero è stato realizzato con lapillo vulcanico preso come sempre in negozi di giardinaggio.

Piante: Vallisneria nana, Microsorum pteropus windelov per l'albero, Helantium bolivianus, cladhopora aperta, round pellia, muschio, cryptocoryne lucens, riccia fluitans.
Per il momento ci sono solo 3 tricogaster cobalto, ma conto di inserire un gruppetto di qualche piccolo caracide.

Che dire, vi terrò aggiornati sugli sviluppi...

Se avete bisogno di piante potete trovare le mie su ebay:


© Acquari Low Cost 2014