Sei Qui: Home - Guida ALC - Filtro biologico e filtro meccanico
Darò per scontato che si conosca la differenza tra filtrazione biologica e filtrazione meccanica.
Ok, rapido rissunto.

La filtrazione meccanica serve a togliere fisicamente impurità dall'acqua, in modo da renderla "limpida" e togliere quindi eventuale torbidezza data da particelle in sospensione di medie/grosse dimensioni.
La filtrazione biologica è data invece dal materiale che inseriamo nel filtro. Cilindretti, bio balls o quant'altro serva come supporto per la colonizzazione dei batteri per svolgere la trasformazione chimica dei parametri dell'acqua in acquario. (vedi ciclo dell'azoto)

Torniamo adesso per un attimo al paragrafo tipologie di acquari estremi.
Abbiamo detto che un acquario tradizionale generalmente ha bisogno di filtro meccanico e biologico, magari anche sovradimensionato, proprio perchè tendenzialmente ha poche piante o piante a crescita lenta e troppi pesci. Uno squilibrio di fondo gia in partenza.
In quest'ultimo caso il filtro biologico è essenziale, il cuore dell'acquario: si ma un cuore artificiale.

Il cuore naturale, la filtrazione naturale, è data dalle piante e dalle alghe. Le piante però nell'immaginario collettivo sono difficili da coltivare, hanno bisogno di tanta luce, fertilizzazione, co2 e tanta esperienza.
In realtà non è proprio così e lo vedremo nello specifico più avanti.

Le alghe sappiamo quanto sono odiate, per cui non vediamo l'ora di eliminarle, compromettendo l'utilità biologica ma soprattutto ignorando il motivo per cui compaiono.

Se avete bisogno di piante potete trovare le mie su ebay: In base a quanto detto fino ad ora, vedremo come sarà possibile sfruttare solamente un semplice filtrino meccanico per condurre facilmente qualsiasi acquario.
Tutto si basa semplicemente sull'equilibrio, se riusciamo ad assecondarlo fin da subito il "gioco" è fatto!



© Acquari Low Cost 2014 - Da un idea di Duf (Andrea Catarsi)